Archivi del mese: febbraio 2012

Intervento in Aula su Imu, Chiesa e nuovo bipolarismo

Legislatura 16º – Aula – Resoconto stenografico della seduta n. 683 del 29/02/2012
(Bozze non corrette redatte in corso di seduta)

SENATO DELLA REPUBBLICA
—— XVI LEGISLATURA ——

683a SEDUTA PUBBLICA

RESOCONTO

SOMMARIO E STENOGRAFICO

MERCOLEDÌ 29 FEBBRAIO 2012

(Pomeridiana)

_________________

Presidenza del vice presidente CHITI,

indi del vice presidente NANIA

RESOCONTO SOMMARIO

Presidenza del vice presidente CHITI

Lascia un commento

Archiviato in diario

ICI/CHIESA; CECCANTI (PD): CON MONTI È STATO POSSIBILE PERCHÉ SPARTIACQUE D’UN NUOVO BIPOLARISMO

ICI/CHIESA; CECCANTI (PD): CON MONTI È STATO POSSIBILE PERCHÉ SPARTIACQUE D’UN NUOVO BIPOLARISMO
Dichiarazione del senatore Stefano Ceccanti (PD)

“L’emendamento sulle esenzioni Imu è risolutivo. Facciamoci però un esame di coscienza: cosa sarebbe successo se l’identico testo, dopo i medesimi contatti con l’Ue, fosse stato predisposto da un governo sostenuto da una sola parte politica? Chi si fosse trovato all’opposizione lo avrebbe pregiudizialmente e aspramente criticato non solo nel merito, ma anche presentando una pregiudiziale di costituzionalità e i pochi perplessi all’interno dell’opposizione sarebbero stati rapidamente tacitati in nome della necessità di opporsi al ‘nemico’. Ci si sarebbe presentati o come difensori di valori non negoziabili traditi dal governo o come sostenitori di una laicità intransigente che guarda con sospetto alle motivazioni religiose che producono fatti di rilevanza pubblica. Per questo non possiamo vivere questa esperienza come una mera parentesi, superata la quale ripristinare il bipolarismo di prima. Un bipolarismo inutilmente rissoso anche quando soluzioni ordinamentali richiedono ampio consenso e che spesso si è caraterizzato per assumere caratteristiche di bipolarismo etico o su una linea di frattura religiosa, nel tentativo di stabilire rapporti preferenziali anomali con comunità religiose o visioni di laicità intese come ostili al fatto religioso. Questo governo deve essere invece uno spartiacque per iniziare dopo un bipolarismo nuovo, civilizzato, senza tratti anomali di divisione etica o religiosa, con una gara di ciascuno a trarre il meglio da questa esperienza”. Lo dichiara il senatore del PD Stefano Ceccanti.

Lascia un commento

Archiviato in diario

Il dl liberalizzazioni spiegato da Paolo Giaretta

Paolo Giaretta

INTERVENTO AULA  SUL DECRETO LIBERALIZZAZIONI

29 febbraio 2012

 

Il testo che ci viene consegnato dal lavoro della Commissione è un testo in molti punti migliorato ed arricchito rispetto a quello del decreto. Non vi è stato in Commissione il gioco delle parti tra un Governo riformatore ed un Parlamento frenatore. Una rappresentazione che ha avuto un certo corso sul sistema dei media ma che non ha molta parentela con la realtà.

Certo non mancavano tra gli oltre 2000 emendamenti quelli che si ispiravano al manzoniano sopire e troncare. Ma grazie anche al lavoro del Presidente di Commissione e dei relatori il Governo ha trovato una solida maggioranza per rafforzare l’impianto di un robusto disegno riformatore .
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in diario

Fassina, il laburismo al capolinea da Europa di oggi, di Edo Patriarca,

Articolo
Sei in Commenti
29 febbraio 2012

Fassina, il laburismo al capolinea
Ho seguito con interesse il dibattito provocato dall’articolo di Stefano Fassina apparso sull’Unità e poi ripreso da Europa. È meritevole che il responsabile economico del Pd offra un lettura del magistero di Benedetto XVI e della Caritas in veritate. E non mi stupisce affatto che Fassina, legittimamente, dia la sua lettura, come peraltro già fanno notisti e politici di altri partiti. Una buona occasione per mantenere aperto “il Cortile dei gentili” e offrire qualche precisazione.
La Dottrina sociale della chiesa (Ds) ha un contenuto assai articolato e complesso che non sopporta “lo spizzichi e bocconi” (in uso anche tra i cattolici) o riduzionismi da qualunque parte provengano. Essa mantiene costanti le ispirazioni di fondo, i principi, i criteri di giudizio, le basilari direttrici di azione, ma al contempo si propone come un cantiere sempre aperto, «soggetto ai necessari e opportuni adattamenti suggeriti dal variare delle condizioni storiche e dall’incessante fluire degli avvenimenti». Ne deriva che i cattolicesimi che sono vissuti in Italia (i cantieri) hanno rappresentato una tappa, sempre parziale e mai definitiva, di questo cammino: dal cattolicesimo sociale a quello democratico, da quello conservatore a quello liberale (ahimè da sempre minoritario in Italia).
Vorrei riprendere alcuni “basilari direttrici di azione” che a me paiono assumere una rilevanza nell’attuale dibattito politico e culturale. E il primo riguarda la connessione inscindibile tra sussidiarietà e solidarietà: sussidiarietà senza solidarietà si fa egoismo sociale e individualismo cinico, viceversa solidarietà senza sussidiarietà lederebbe l’autonomia e la libertà delle persone, e delle formazioni sociali. A ben vedere il dosaggio, il mix, tra queste due principi muove le diverse prospettive di riforma del sistema di welfare in Italia.
L’altra direttrice è quella che tocca il rapporto tra etica ed economia e che il papa, provocatoriamente, nell’ultima enciclica, congiunge con il principio di gratuità e di dono. Una provocazione per coloro che ritengono l’economia solo regolata dal principio di efficienza. Insomma, una intrusione indebita. Ma non più di tanto. Il mercato, come le imprese, non corrispondono al capitalismo: il mercato è nato prima del capitalismo, e le forme di impresa sono varie: da quella sociale a quella capitalistica, da quella cooperativa a quella pubblica. E dunque il mercato regolato dal principio di efficienza (la concorrenza) e animato dal principio di gratuità, secondo il papa, è lo strumento più adeguato a garantire una buona distribuzione delle risorse e a tutelare le libertà economiche.
Le imprese, in questo contesto, sono un valore perché chiamate a generare lavoro e quindi bene comune.
L’ultima che propongo riguarda le funzioni che la Ds assegna allo stato, un compito limitato e per questo strategico, e cioè garantire la giustizia e la pace. Anche qui la Ds cerca di costruire nuovi equilibri, e problematizza a tal punto che al n° 41 della Caritas in veritate dichiara che «ragioni di saggezza e di prudenza suggeriscono di non proclamare troppo affrettatamente la fine dello stato. In relazione alla soluzione della crisi attuale, il suo ruolo sembra destinato a crescere, a riacquistare molte delle sue competenze». All’interno di questo quadro propone un equilibrio sapiente tra diritti e doveri, e il principio di uguaglianza (non l’egualitarismo) inteso come un riconoscersi reciprocamente degni, e portatori ciascuno di una propria dote di talenti che trova il merito non nella quantità posseduta ma nella capacità di valorizzarla, come propone la parabola dei talenti.
A questo punto mi permetto di entrare in alcuni temi di attualità, nelle scelte e nelle decisioni che spettano alla politica. Non è bene oggi ricondurre (non ridurre) lo stato alle sue funzioni, dimagrendo l’apparato burocratico, l’infinito reticolo di regole, leggi e leggine che limitano la libertà responsabile dei cittadini, delle organizzazioni e delle imprese? Non è urgente uscire dalla confusione (che non appartiene alla Ds) che fa corrispondere i beni comuni al solo stato e che propone conseguentemente lo stato, o le sue aziende, come unico soggetto titolato a gestirli? Davvero è così? Siamo certi che in Italia non vi siano alternative più efficienti ed efficaci? Non si tratta oggi di favorire più competitività e concorrenza in un mercato troppo ingessato, in alcuni settori persino monopolistico, per nulla aperto e premiante verso coloro che vogliono intraprendere?
Sul mercato del lavoro. La Ds afferma che il lavoro è strutturalmente legato alla persona, alla sua verità. Esiste un diritto al lavoro ma anche l’equivalente dovere a produrlo. Se non vi sono i soggetti che il lavoro lo generano (le imprese) come può essere esigibile il diritto al lavoro? Ciò che impedisce la generazione di lavoro non colpisce la stessa dignità del lavoro? Va da sé che la riforma di un mercato che oggi produce disoccupazione – e drammaticamente tra i giovani – va fatta senza indugi.
L’attuale configurazione del mercato è ingiusta, non garantisce il diritto al lavoro e a un lavoro dignitoso. Non si tratta di ridurre le tutele ma di incrementarle, di costruire un sistema universalistico di ammortizzatori sociali moderno che tuteli la persona e non il posto. Di migliorare il rapporto tra lavoro e il sistema istruzione/formazione, di rendere più efficiente l’incontro tra domanda e offerta, di impedire che la strumentazione di sostegno produca una dose eccessiva di assistenzialismo deturpando così la stessa dignità della persona e annullando il dovere a cercare il lavoro e a prenderlo nelle disponibilità che sono date (le casse integrazioni che durano sette anni, vedi il caso Alitalia, sono utili alla persona e alla sua dignità?).
Infine, è pensabile un mercato del lavoro che dia tutele e che garantisca la flessibilità positiva alle imprese nei casi di riconversione (ne vedremo ancora tante nel settore manifatturiero)? Io penso di sì, e penso che si possa anche discutere, laicamente, dell’articolo 18. Una sola raccomandazione al ministro Fornero: una riforma di questa portata non è a costo zero. Anzi. È bene chiarire anzitempo se vi sono le risorse necessarie, e dove le si andranno a reperirle, auspicalmente non in carico al solo bilancio statale. Il dovere di solidarietà vale anche in questo caso e deve coinvolgere sussidiariamente tutti i soggetti in campo.
Una conclusione: a me pare che la prospettiva del laburismo, pure rinnovato, come propone Fassina sia giunto al capolinea, assieme alle forme di capitalismo che abbiamo conosciuto in questi decenni. La prospettiva che viene indicata dal magistero di papa Benedetto mi pare vada più nella direzione della tradizione liberale. Mi domando: è possibile costruire un sistema politico fondato sull’alternanza tra liberali conservatori e liberali riformisti? E se non chiedo troppo, il Pd questa prospettiva la esclude a priori?

Edoardo Patriarca

——————————————————————————–

Lascia un commento

Archiviato in diario

relazione integrale Luca Diotallevi su cattolici e bipolarismo da www.qdrmagazine.it

Cattolici e bipolarismo: argomenti, interessi, responsabilità

di Luca Diotallevi

 

 

Se ci si attiene alla porzione politica del dibattito pubblico, si può essere indotti a pensare che la fede cattolica non ispira argomenti sul tema di cui stiamo per occuparci, oppure che essa anima una preferenza “centrista” e dunque “antibipolarista”.

Invece, se appena un poco si allarga l’orizzonte, appare che le cose non stanno così: sia la prima che la seconda conclusione risultano sostenute da argomenti molto deboli. Quello che allora mi riprometto è richiamare l’attenzione su argomenti di segno opposto e – credo – di una qualche maggiore consistenza.

 

1. Argomenti

Secondo le parole di Benedetto XVI a Berlino ogni azione legislativa è semplicemente indeducibile dalla Rivelazione, e dunque anche quella che ha per oggetto materie come forma di governo e legge elettorale. Tanto questo a delegittimare senza appello tanto ogni (eventuale) integrismo bipolarista quanto ogni (invece realissimo) integrismo centrista.

Indeducibilità, però, non significa irrilevanza od indifferenza. La Rivelazione cristiana, infatti,  non tace su funzioni e limiti del potere politico.
Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in diario, documenti

Nuovo numero di Qdr Magazine

È on line il n. 50 di qdR magazine, il webzine dei riformisti italiani, quelli che vogliono cambiare tutto e subito e partecipano o seguono in streaming il convegno promosso da Noise from Amerika, in collaborazione con l’Istituto Bruno Leoni e l’associazione LIBERTA’eguale.

Questa settimana, oltre al mio contributo

Statalisti contro Ratzinger di Stefano Ceccanti

e al testo integrale della relazione di Luca Diotallevi al recente convegno su Cattolici e Bipolarismo

Cattolici e bipolarismo di Luca Diotallevi
potete leggere

Monti veda il bluff di Bersani di Tommaso Nannicini
Dal privilegio al merito di Timoteo Carpita
Evidentemente di Claudio Petruccioli
A scuola non si urla di Marco Campione
Cartolina a Bersani di Lenin
Un fisco a misura di cittadini e imprese di Federico Cancarini
Clint Eastwood, l’America e la Fiat di Giampaolo Scaglione
Il vecchissimo Manifesto di Parigi di Dario Parrini
Celeste nostalgia socialdemocratica di Alessia Parlatore
Enrico Rossi, un maleducato della Redazione
“You can put wings on a pig, but you don’t make it an eagle”. Bill Clinton

Lascia un commento

Archiviato in diario

Un’inervista su Imu

Lascia un commento

Archiviato in diario