Stupirsi dell’avvocatura dello Stato? Ma non fa altro che riprendere la Corte costituzionale, la Cassazione e la Corte di Strasburgo

 

  1. Va premesso che la Corte costituzionale è chiamata solo a decidere di una questione molto particolare, cioè il riconoscimento di una sentenza straniera di adozione e, più esattamente, se la deve riconoscere un giudice o, più probabilmente un ufficiale di stato civile.
  2. A prescindere dalla questione specifica, cosa può fare l’avvocatura dello Stato, nel ricostruire il diritto vivente?
  3. Del tutto indipendentemente dalle sorti dell’attuale legge e dall’articolo sulle adozioni, non può che dire in modo convergente quello che sostengono la Corte costituzionale, la Cassazione e la Corte di Strasburgo, su cui poggiano già molte decisioni pro adozione dei giudici di merito.
  4. Della Corte Costituzionale è inutile parlare perché ormai tutti sanno che la sentenza 138 del 2010 e la 170 del 2014 hanno sostenuto che degli specifici diritti possono essere riconosciuti anche in assenza della pur necessaria legge.
  5. Questo è il passaggio chiave della sentenza della Cassazione 4184/2012:

I componenti della coppia omosessuale, conviventi in stabile relazione di fatto, se – secondo la legislazione italiana – non possono far valere né il diritto a contrarre matrimonio né il diritto alla trascrizione del matrimonio contratto all’estero, tuttavia – a prescindere dall’intervento del legislatore in materia -, quali titolari del diritto alla “vita familiare” e nell’esercizio del diritto inviolabile di vivere liberamente una condizione di coppia e del diritto alla tutela giurisdizionale di specifiche situazioni, segnatamente alla tutela di altri diritti fondamentali, possono adire i giudici comuni per far valere, in presenza appunto di “specifiche situazioni”, il diritto ad un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata e, in tale sede, eventualmente sollevare le conferenti eccezioni di illegittimità costituzionale delle disposizioni delle leggi vigenti, applicabili nelle singole fattispecie, in quanto ovvero nella parte in cui non assicurino detto trattamento, per assunta violazione delle pertinenti norme costituzionali e/o del principio di ragionevolezza.

L’integrale qui:

http://www.giurcost.org/casi_scelti/Cassazione/Cass.sent.4184-2012.htm

  1. In quella stessa sentenza la Cassazione così descrive la giurisprudenza più recente della Corte di Strasburgo:

La seconda novità attiene alla questione se la relazione di una coppia omosessuale rientri nella nozione di “vita familiare” nell’accezione dell’articolo 8 della Convenzione.

 

Anche su tale questione la risposta della Corte è chiarissima: “Data quest’evoluzione [sociale e giuridica] la Corte ritiene artificiale sostenere l’opinione che, a differenza di una coppia eterosessuale, una coppia omosessuale non possa godere della vita familiare ai fini dell’articolo 8. Conseguentemente la relazione dei ricorrenti, una coppia omosessuale convivente con una stabile relazione di fatto, rientra nella nozione di vita familiare, proprio come vi rientrerebbe la relazione di una coppia eterosessuale nella stessa situazione”.

 

Questa estensione alla coppia omosessuale stabilmente convivente del diritto alla “vita familiare” costituisce coerente conseguenza del riconoscimento ai singoli componenti tale coppia, da parte della Corte Europea, del diritto al matrimonio e del diritto di fondare una famiglia ed attesta ancora una volta la necessità di distinguere tra riconoscimento del diritto al matrimonio omosessuale, altre forme di riconoscimento giuridico della stabile convivenza della coppia omosessuale e riconoscimento ai singoli componenti tale unione di altri diritti fondamentali.

 

Questa è la sentenza integrale del 2010 richiamata, sentenza 24 giugno 2010, Shalk e Kopf c. Austria:

http://hudoc.echr.coe.int/eng#{“dmdocnumber”:[“870457”]}

  1. Pertanto quando la giurisprudenza di merito ha provveduto a riconoscere l’adozione non ha fatto altro che attenersi a queste impostazioni convergenti.

 

Lascia un commento

Archiviato in diario

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...