da www.santalessandro.org

Cambiamento a tutti costi. Per fare cosa non si sa. Dopo le Amministrative e la Brexit

 

BY GIOVANNI COMINELLI ON 25 GIUGNO 2016 ·POLITICA

“E’ stato un voto per il cambiamento”: questo il commento pressoché unanime dei risultati delle elezioni amministrative, ma anche della Brexit. Peccato che non si tratti di una spiegazione. È solo il nome di un imbarazzo.

FACILE CAMBIARE I POLITICI. DIFFICILE CAMBIARE LA POLITICA

Cambiare i politici pare relativamente facile. Cambiare le politiche, sospetta Romano Prodi, è più difficile. E poi che cos’è la politica? È la “politic” o è la “policy”? È “la Politica” o “le politiche”? È il rappresentare o l’amministrare? Qual è la sequenza logico-psicologica che ha spinto molti elettori a determinare le brillanti vittorie del M5S a Roma e, soprattutto, a Torino? Il punto di partenza da cui muove l’elettore è quello della percezione dell’impotenza della politica oggi, così come è fatta, con i suoi partiti, le sue facce, le sue tradizioni, il suo insediamento sociale. “Impotenza” in ordine alla sfide, alle paure, alle insicurezze, all’esclusione. Molte persone sperimentano una doppia esclusione: quella socio-economica e quella politica. Quella economica, che nasce, per usare l’espressione di Romano Prodi, dalla percezione che “l’ascensore sociale si è bloccato” e che dentro “si soffoca”: sviluppo debole, futuro incerto, impoverimento possibile. Quella politica: mancanza di strumenti efficaci per tentare di modificare la propria condizione. La scatola degli attrezzi contiene solo la scheda elettorale. Ma il suo uso ripetuto e inefficace ha convinto molti elettori a disertare le urne: un’astensione che tende al 50% dell’elettorato. È il bacino di accumulazione originaria delle rabbie, delle delusioni, del rifiuto della politica come via al cambiamento della propria condizione.

LE RISPOSTE DEL QUALUNQUISMO E DEL POPULISMO

Tuttavia, sotto la cenere della delusione resta viva la brace della domanda politica. Il cosiddetto “qualunquismo” è portatore di una domanda politica, che si chiude momentaneamente nel silenzio, in attesa della risposta convincente. E’ una risposta passiva. Il “populismo” è, invece, una risposta attiva e perciò politica. E’ ora di cambiare! L’idea di fondo è che “popolo” e “istituzioni” sono divenuti strutturalmente contrapposti, il basso e l’alto. Bisogna mettere il popolo in alto, dentro le istituzioni. Il popolo deve controllare le istituzioni. Come? Attraverso l’azione politica. Che consiste principalmente nell’eleggere nelle istituzioni elettive propri rappresentanti che mandino a casaquelli della casta che finora ha occupato le istituzioni, senza essere in grado di risolvere i problemi dell’esclusione socio-economica e politica.

IL BUON POLITICO NON HA FATTO POLITICA. POI ARRIVA CASALEGGIO

Il primo criterio di scelta di tali rappresentanti è che non abbiano mai fatto esperienza precedente di impegno politico in un qualsiasi partito o istituzione. Devono essere “vergini di servo encomio” rispetto ai partiti storici e alle istituzioni. Se uno non ha mai fatto né politic né policy, se è totalmente nuovo, allora è il candidato giusto. E qui entra in campo la Rete o, per meglio dire, il Movimento che la gestisce. Qui tocca a Rousseau – il sistema informatico di Casaleggio jr. – scegliere i candidati! E’ questa la forca caudina occulta. Ora, a chiunque vada a zonzo nella Rete, la politica viene incontro prevalentemente come emozione, invettiva, denuncia, rabbia, insulto… E le proposte di policy? Quelle sono incerte, plurali e reciprocamente contraddittorie. Le proposte su immigrazione, sicurezza, welfare, Europa, istituzioni, Costituzione, legge elettorale… sono, al momento, strumentali e consapevolmente ambigue, ad un solo fine: accumulare consenso.

PER CAMBIARE NON SI SA COSA

Per cambiare. Ma cosa, come?… questo la nuova politica non lo dice o perché non lo sa o perché non lo vuole furbescamente dire. Sarà costretta a farlo, perché, infine, la prova del budino consiste nel mangiarlo. Resta una domanda? Come è possibile che la politica sia passata dall’intelligenza delle cose all’emozione delle cose? La politica e l’amministrazione si sono sempre fondate sulla conoscenza dei dati di realtà, ancorché spesso onnubilata dalle ideologie– che sono costruzioni di modelli mistificati della realtà – che stavano alle spalle. La conoscenza, a sua volta, era costituita dalla realtà vista in modo sincronico e diacronico, immersa nel sapere storico consapevole. Se la politica degrada, a livello di massa, dal sapere alla rabbia, dalla razionalità all’emozione, grande è il fallimento di chi l’ha fatta, finora, grandi sono le responsabilità politiche, culturali, educative delle classi dirigenti, politiche e non, del Paese. Incolpare il popolo aiuta poco.

LA BREXIT. “STIAMO CONSUMANDO LE SEMENTI”

Tocca alle classi fin qui dirigenti cambiare. L’eredità dei “nonni costituenti” è stata malamente sperperata dai loro figli. Ora, come scrisse Karl Barth nel 1925, “stiamo consumando le sementi”. La Brexit conclude simbolicamente il dopo-guerra in Europa. Viene avanti un mondo diverso da quello immaginato. Tornare a guardare la cosa stessa, spogliando il cuore e l’intelletto dei detriti. E’ la raccomandazione di Baruch Spinoza: “nec ridere, nec lugere, sed intelligere”.

 

 

 

1 Commento

Archiviato in diario

Una risposta a “da www.santalessandro.org

  1. elio capelli

    Ebbene il cosidetto welfare è andato in crisi, perchè ha assunto dimensioni insostenibili,,,,,molto spesso quello che era un diritto è diventato un privilegio. Mi spiego meglio, l’assegnazione di un alloggio 20 – 30 più anni fa ad una famiglia che ne aveva bisogno e diritto, era welfare, oggi non lo è più perche’ l’assegnatario originale … è deceduto, trasferito, ecc… e chi lo occupa attualmente come fosse una eredità non ha i requisiti, e diventa un privilegio o un abuso… chiamatelo come volete quindi deve essere assegnato a chi questo diritto lo possiede..
    Chi ha sentito in questa campagna elettorale, per esempio a Roma, dico Roma perchè c’è stato lo scandalo degli alloggi assegnati agli eredi ecc, per qualche dieci euro al mese,parlarne NESSUNO perchè il fenomeno denunciato insieme a tanti altri ha talmente incrostato la capitale e non solo….. che chi tocca muore! quindi è meglio lasciar perdere …E intanto passata la festa… gabbato lo santo fino al prossimo commissario! Quante risorse da dedicare al welfare si racimolerebbero eliminando queste incrostazioni…. dovrebbe essere la normalità o no!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...