Referendum: Ceccanti, le due scelte qualificanti della riforma costituzionale

“Si vota pro o contro la riforma costituzionale, non sul governo o sui partiti”, per cui è importante informarsi bene sui contenuti e non dare “un voto fideistico o di appartenenza”. Lo ha detto Stefano Ceccanti, ordinario di diritto pubblico comparato all’Università La Sapienza, intervenendo al seminario di studio e approfondimento sul referendum promosso oggi a Roma dalla Consulta nazionale delle aggregazioni laicali (Cnal) e da Retinopera. Secondo Ceccanti, la riforma risponde innanzitutto all’esigenza di superare il rischio costante (dal ‘94 in 4 consultazioni elettorali su 6) di avere nei due rami del Parlamento maggioranze diverse, esigenza che si è manifestata in modo “quasi drammatico” dopo le ultime elezioni politiche, quando non si riusciva né a fare il governo né a eleggere il presidente della Repubblica. Il superamento del “bicameralismo perfetto” è quindi una scelta qualificante della riforma, che assegna alla sola Camera il potere di dare la fiducia al governo. Evitare che il Senato sia un “inutile doppione”, come ha sostenuto Ceccanti citando il costituzionalista Costantino Mortati, conferisce all’esecutivo una stabilità sempre più necessaria anche a livello internazionale e interviene alla radice sul “livello di follia” che è stato raggiunto dal nostro iter formazione delle leggi.

Lascia un commento

Archiviato in diario

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: